CtG Street Art

Art can be made with anything. Art is everywhere. Even inside galleries. 
L’arte può essere fatta con tutto. L’arte è ovunque. Addirittura dentro le gallerie.

Art can be made with anything. Art is everywhere. Even inside galleries.

L’arte può essere fatta con tutto. L’arte è ovunque. Addirittura dentro le gallerie.


Francesco Garbelli, an Italian “street artist” active already between the ‘80s and the ‘90s. Check this out!

image

Does anybody know about an Italian “street artist” called Francesco Garbelli (Milan, 1962), active already between the ‘80s and the ‘90s? I expect a NO for answer. No because his name is virtually unknown in Italy too, among the today’s street art scene.

image

Garbelli was especially active into that peculiar visual branch involving the road signs, not too differently from Clet (and others), but just 20-30 years ago.

image

He clearly did not come from a hip hop/graffiti scene, and his style actually shows no relation with the “American urban influence”.

image

This is again to prove how spontaneous and genuine the urban installation can be, and how some aspect of today so called “street art” was already explored and known by the old school.

image

We do misunderstand some time the most talented and the pioneers for the most advertised and the mediatic ones; consider Garbelli’s work. He does not have a proper internet site right now and he did lots of interventions before the Internet era and the pocket cameras. True, the street art is not that revolutionary: today’s urban art success is thanks to the important contribute of graffiti and new technologies.

imageimageimageimage

Being online = prove of existence!

March 2014, by VladyArt


Arte Urbana anni ‘80-90: Francesco Garbelli chi?

image

Capita, non poche volte, di fraintendere e scambiare il personaggio più pubblicizzato con il più capace o il più pionieristico. Con un po’ di attenzione e di dedizione alla materia però, notiamo che molti artisti per le ragioni più svariate, attraversano i decenni senza la gloria dei riflettori, al buio, o quasi. Che dire poi a proposito della “street art”: è un fenomeno del tutto nuovo o gode solamente di un periodo mediaticamente fortunato? È probabilmente vero entrambe. La street art, così come ci hanno fatto notare alcuni acuti osservatori, non è recente ne iscrivibile al XXI secolo, ma affonda le radici nel secondo dopoguerra del secolo scorso. Oggi, la street art è la perfetta fusione delle esperienze visive, pittoriche e concettuali del passato con l’arte dei graffiti (spray) e l’aiuto delle nuove tecnologie (internet, dispositivi mobili, computer grafica).

image

Questa è la premessa che serve per presentarvi un pioniere, suo malgrado, del genere: il milanese Francesco Garbelli. La sua non è l’arte di strada derivata dai graffiti, non quella delle scritte sui muri e delle tags che oggi imperversano viralmente in ogni luogo possibile del pianeta. La sua è l’arte grafica (per la verità molto spontanea e istintiva) di pensare e vedere la segnaletica stradale sotto altre vesti, o con altri occhi. Per molti, oggi tutto questo è riassunto nell’azione dell’italo-francese Clet, ma tanti prima di lui (e prima del 2010) facevano lo stesso, solamente in una maniera meno seriale e mediatica. Francesco Garbelli attraversava gli stessi territori nell’era analogica, tra gli ’80 e i ’90, destando solo marginale attenzione.

image

Francesco Garbelli in verità è ancora attivo e sebbene non sia conosciuto ai più giovani, può vantare un curriculum espositivo non da poco, avendo ricevuto attenzioni e opportunità anche all’estero.

Muove i primi passi presso la Brown Boveri, una fabbrica dismessa della sua città nella quale vari artisti hanno potuto esprimersi in diversi linguaggi, specie il concettuale e l’istallativo. Con l’abbattimento della struttura, Garbelli sposta i suoi interventi all’aperto, a Milano, iniziando così senza troppa consapevolezza un filone che oggi non avrebbe bisogno di presentazioni.

image

Già allora il suo intento era di colpire, interagire e spiazzare il fruitore del caso, esortandone lo humor e la curiosità creativa. Il repertorio en plain air del Garbelli fu sì documentato, ma non trovò immediato riscontro se non per qualche articolo di quotidiano. Per via di simili istallazioni e mostre a tema, Garbelli comparì eventualmente su Corriere della Sera, Flash Art e Tema celeste, ma senza mai avere nè endorsement nè la corte di gallerie e collezionisti; la ragione è forse semplice ed è che era troppo presto, con lui già troppo avanti.

image

Non sappiamo quanto Garbelli sia stato influente e quanto d’ispirazione per gli artisti attuali. In mia opinione, alcuni concetti e conclusioni raggiunti già negli anni ’80 sono quasi inevitabili. I cartelli stradali ispirano e catturano attenzione per antonomasia; gli artisti urbani conoscono queste logiche visive e ne fanno tesoro. Quanto all’antropomorfizzazione degli oggetti, anche questa è da ritenersi spontanea e innata nell’uomo (vedi la pareidolia). Detto questo, è vero che la potenza di molti della nuova guardia si sia (volutamente o inconsciamente) avvantaggiata degli sforzi e delle ricerche della vecchia scuola.

image

Francesco Garbelli classe 1962 non ha, come gli artisti cresciuti tra Play Station, hip hop e Photoshop, un suo sito internet facile da trovare (ne ben aggiornato); non sembra neppure essersi mai sbattuto più di tanto nella sua autopromozione (essenziale, lo sappiamo). Tuttavia la sua è una vita d’avanguardia: laureato alla Facoltà d’Architettura del Politecnico di Milano nel 1990, ha insegnato dal 2000 al 2005 Urban Design alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. Parliamo pur sempre di Milano, fucina di contemporaneità in Italia, dove non manca di certo il confronto o un pubblico ricettivo.

image

Non sarebbe il primo caso che la ribalta per uno della vecchia scuola arrivi grazie al clamore mediatico suscitato dai nuovi fenomeni dell’arte urbana. È stato in qualche misura così per Blek Le Rat (più volta citato da Banksy) o per John Fekner, tirati nuovamente in ballo grazie al boom d’attenzione di cui oggi gode l’arte di strada, a volte spicciola e a volta intuitivamente geniale.

image

image

22-03-2014 VladyArt